Living on the edge of the Mekong river

From Ho Chi Minh City (aka Saigon), we took a few trips to the surrounding areas. One of them took us up the murky delta waters of the Mekong river. Located in the south of Vietnam, the river flows to the border with Cambodia and then onwards to other countries. We decided not to venture that far, since time constraints would have prevented us from seeing other places (and in fact getting home on time!). Still, we took a two day trip on the Mekong.

Since the beginning, the weather did not bless this trip. Heavy rain poured on us while we were on a small canoe and the only protection we had was our conic hat, which proved exceptionally useful both under the sun and under the rain.

We took refuge several times along the way under some cute huts, made with bamboo and leaves. There we could see the local production of coconut candies, taste some tea and tropical fruits, and see -again- how they make rice paper.

We stayed overnight with a family who lives in a big old house on one of the branches of the delta. At dinner we had some delicious vietnamese rice rolls, that we filled with herbs, vegetables, rice noodles and fried elephant fish, caught the same day from the neighbour who had a little fish farm. Mosquitoes were everywhere and their bites hurt like hell here, so we got to sleep on beds similar to the Chinese Qing style beds we had in Pingyao under a hanging cloth to be protected.

The next morning, after a nice sunrise walk on the edge of the river, we got a boat and went to the floating market. That's right! a whole market on the river, floating on boats, where customers and merchants move on their own little boats. You could recognize what each boat was selling from hanging samples of their products (e.g. Pineapples) on tall sticks in the back of the boat. That was fun!

Before heading back to the city, we had lunch with noodles and snake. The snake was heavily marinated, so it would be hard to tell what it tastes like... I'd say something like fish and in the mouth feels like chicken...?

Dalla principale citta' settentrionale del Vietnam, Saigon, abbiamo fatto un paio di viaggetti nei dintorni. Uno di questi viaggi ci ha portato nelle acque fangose del misterioso fiume Mekong. Situato al sud del Vietnam, percorrendo il fiume a ritroso si arriva fino nelle profondita' della Cambogia. Tuttavia, abbiamo deciso di non avventurarci cosi' lontano, a causa di limiti di tempo che ci avrebbero impedito di vedere altri posti. Ma lo stesso, abbiamo fatto una scampagnata di due giorni sul fiume.

Fin dall'inizio, il tempo non ci ha sorriso. Pioggia a catinelle ci ha accompagnati mentre eravamo su una piccola canoa e la sola protezione che avevamo era il nostro cappello conico, che si e' dimostrato eccezionale sia sotto il Sole sia sotto la pioggia.

Abbiamo trovato rifugio diverse volte presso il fiume sotto casupole di bamboo e foglie di banano. In questi posti abbiamo potuto visitare la produzione locale di caramelle fatte con latte di cocco, abbiamo provato del te' locale e frutta tropicale, ed abbiamo visto - di nuovo - come fanno la carta di riso.

Abbiamo dormito poi presso una famiglia locale che vive in una grande casa sulla sponda di uno dei rami del delta. A cena abbiamo mangiato dei deliziosi involtini vietnamiti, che abbiamo imbottito con spaghetti di riso, erbe, verdure e pesce elefante, direttamente pescato dal laghetto del vicino di casa. Le zanzare la facevano da padrona, ed i loro morsi qui fanno un male cane, per cui ci siamo addormentati sotto un baldacchino fatto di zanzariere, su un letto simile allo stile cinese della dinastia Qing su cui abbiamo dormito a Pingyao.

La mattina successiva, dopo una bella passeggiata sul fiume all'alba, abbiamo ripreso la barca e siamo andati al mercato galleggiante. Esatto! Un intero mercato costruito su navette e barchette, dove ciascun cliente deve navigare fino al mercante che gli interessa. I mercanti possono essere riconosciuti anche da lontano dato che appendono esempi dei loro prodotti su alti pali, sulla cima della nave. E' stato divertente!

Prima di tornare in citta', abbiamo fatto pranzo con spaghetti e serpente. La carne del serpente era pesantemente preservata e marinata per cui sarebbe difficile descriverne il sapore originale... Direi qualcosa come il sapore di pesce e la consistenza del pollo? (E no Andrea, anche se siamo in Tailandia non sapeva de Cocco!)
Post a Comment

Popular Posts